Ozieri, Sabato 22 Settembre 2018

Soggiorno estivo anziani - 2009

Si è concluso il soggiorno estivo per gli anziani

Durante i dieci giorni del soggiorno a Manfredonia si sono organizzate escursioni nelle località più famose della Puglia

Sono tornati il 24 settembre verso la mezzanotte, con la mente ed il cuore ricolmi di nuove sensazioni, i 37 "anziani" ozieresi, accompagnati da due dipendenti del Settore Servizi Sociali e da un'assistente geriatria, che hanno partecipato al soggiorno estivo organizzato nel periodo dal 14 al 24 settembre dal Comune di Ozieri, attraverso l'Assessorato alle Politiche Sociali retto dall'assessore Dott. Filippo Fele.

Soggiorno Estivo Anziani 2009

"Una tradizione ormai consolidata che ancora una volta ha dato la possibilità a concittadini di trascorrere in compagnia e in allegria dieci giorni in Puglia in una rinomata località turistica scelta appositamente per gli anziani spiega l'Assessore Fele - Essa ha rappresentato un'occasione importante per conoscere e apprezzare le bellezze del posto, con un programma di escursioni e relax che hanno consentito di vivere il soggiorno immersi nella storia e nella cultura dell'area".
La base d'appoggio è stata Manfedonia (precisamente l'Hotel Gargano) ridente cittadina dauna che conta oggi circa sessantamila anime e si estende lungo la fascia costiera. Manfredonia conserva intatti frammenti di storia di notevole interesse. Il castello svevo-angioino; la Basilica Minore di Santa Maria Maggiore di Siponto (sec.XII).
Durante i dieci giorni di vacanza, poi, ci sono state escursioni nelle località più famose della Puglia: Lucera con il suo castello voluto da Carlo I d'Angiò, la Cattedrale e la splendida Piazza Duomo, il "salotto di pietra" della città; Bari con la visita della Città Vecchia dove al suo interno sono racchiusi la splendida Cattedrale e la Basilica di San Nicola; Trani con la sua imponente Cattedrale alta espressione dello stile romanico pugliese eretta di fronte al castello Svevo, esempio mirabile di edificio difensivo che si affaccia sul mare; San Giovanni Rotondo, luogo dove ha operato San Pio da Pietrelcina; i caratteristici trulli di Alberobello; le Grotte di Castellana della lunghezza di 1 Km; Matera con la visita alla città dei "Sassi", i suoi antichi rioni dal fascino arcaico, esempio di struttura urbana unica al mondo, dichiarati dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità; Viste splendida cittadina e centro turistico più importante e famoso del Gargano con il suo pittoresco borgo medievale che si inerpica per stretti vicoli e la Foresta Umbra, cuore verde della zona, da dove si è raggiunto Monte Sant'Angelo dove all'interno Santuario di San Michele Arcangelo nella grotta dove secondo la tradizione apparve l'Arcangelo Michele gli anziani hanno trovato casualmente, con vivo stupore e contentezza Don Ledda, Parroco della Chiesa di San Nicola di Ozieri, che concelebrava la messa davanti a centinaia di fedeli.
Al termine della Santa Messa Don Ledda ha intonato "L'Ave Maria in sardo" accompagnato dai conterranei presenti. Ma l'esperienza più entusiasmante, ricca di ricordi positivi per tutti i partecipanti è stata l'escursione alle Isole Tremiti definite per la loro incantevole ed incontaminata bellezza " le perle dell'Adriatico" le cui acque cristalline attirano ogni anno migliaia di turisti.
Il piccolo arcipelago è costituito dalle isole di San Nicola, San Domino, Cretaccio, Caprara e, a circa 11 miglia da queste, dall'isola di Pianosa.
Come ultima tappa prima del rientro in Sardegna gli anziani hanno potuto visitare la splendida Abbazia di Montecassino a Cassino.

Versione stampabile