Ozieri, Sabato 22 Settembre 2018

Bisarcio, riscoperta di un villaggio

Bisarcio, riscoperta di un villaggio

Si apre all'insegna della ricerca storica la tradizionale festa organizzata in onore di Sant'Antioco di Bisarcio. Venerdì 28 giugno alle ore 16.30, presso la Basilica Medievale, si terrà il Convegno dal titolo "Bisarcio: la Sardegna Giudicale - Riscoperta di un villaggio"

Scavi presso la Basilica di S.Antioco di Bisarcio

L'iniziativa vuole essere l'occasione per presentare al pubblico i risultati della I Campagna di Scavo Archeologico presso il villaggio medievale di Bisarcio, promossa dall'Amministrazione Comunale e dall'Università degli Studi di Sassari.

Il prof. Marco Milanese, docente del Dipartimento di Storia, Scienze dell'Uomo e della Formazione nonché Direttore dello Scavo Archeologico, e gli studenti e archeologi che hanno partecipato allo scavo presenteranno al pubblico i risultati della ricerca archeologica effettuata nel periodo tra settembre e ottobre dello scorso anno.

Il Convegno, che vede la partecipazione tra i relatori anche degli studiosi Franco G.R. Campus, Alessandro Soddu e Angela Antona, vuole essere anche un'occasione per conoscere in maniera più approfondita Bisarcio, villaggio medievale le cui prime notizie si ritrovano nel documento di donazione della chiesa di S. Michele di Plaiano a S. Maria di Pisa, dove figura il vescovo di Bisarcio Costantino, datato 18 marzo 1082.
In una fonte della metà del Trecento il villaggio di Bisarcio conta circa 200 fuochi, mentre nel XVI Secolo la popolazione era calata a circa 50 fuochi (ovvero nuclei familiari tassabili); nei decenni successivi la popolazione registrata diminuisce a 20 fuochi, e verso la fine del XVII secolo a soli 6.

Le tracce più visibili del villaggio sono situate a Nord della chiesa, ma non si esclude che il villaggio potesse in passato estendersi anche ad Est della chiesa, dove oggi si trovano numerosi edifici moderni.

Tra i vari edifici quelli di maggiormente conservati sono quelli di una chiesa, di cui si distingue chiaramente l'abside, e i resti di una grossa struttura presumibilmente pubblica, poiché di dimensioni molto superiori alle altre e provvista di piú piani.

Durante la scorsa campagna di scavo l'indagine ha interessato parti differenti dell'insediamento: l'area del villaggio, in modo da verificare l'effettiva planimetria del villaggio e lo scavo di strutture significative e due aree nelle vicinanze della chiesa, per verificare la presenza di strutture individuate con le prospezioni magnetiche.
Durante lo scavo è stato anche utilizzato un drone per effettuare le foto aeree e per creare una restituzione tridimensionale della planimetria del villaggio.

Il convegno è organizzato con la collaborazione tra Comune di Ozieri, l'Università di Sassari, l'Istituzione San Michele, e la Società Religiosa Sant'Antioco di Bisarcio.

Link: Bisarcio Live Archeology 2012

Condividi questa notizia

Versione stampabile