Ozieri, Venerdì 20 Ottobre 2017

Una giornata semplicemente straordinaria!

Una giornata semplicemente straordinaria!

Circa 16.000 persone provenienti da tutte le parti dell'isola, numerosi continentali e stranieri e una massiccia presenza di camperisti arrivati con oltre 150 camper, hanno percorso piazzette, e "carrelas" del centro storico di Ozieri, adornate con splendidi vasi di fiori dalle famiglie dei residenti.

Su trinta 'e Sant'Andria 2016

È occorso tutto l'orgoglio ozierese per reggere un'organizzazione impeccabile, con il sorriso, la gentilezza e la cortesia dei cantinieri, sino alla tarda ora del mattino, testimoniata dai commenti di numerosissimi ospiti.

Circa 16.000 persone provenienti da tutte le parti dell'isola numerosi continentali e stranieri e una massiccia presenza di camperisti arrivati con oltre 150 camper, hanno percorso piazzette e "carrelas" del centro storico di Ozieri, adornate con splendidi vasi di fiori dalle famiglie dei residenti, sotto un cielo stellato contro il quale si stagliavano meravigliose "sutteas".

Oltre 8000 calici consegnati, quintali di pane spianata preparata con il grano Capelli, ettolitri di vino: Alvarega, Redagliadu, Muristellu, Cannonau e il tipico rosato prodotto nelle colline ozieresi, sono stati consumati insieme a quintali di salsiccia e formaggi che costituivano il contorno a una trentina di pietanze locali offerte dalle 30 cantine partecipanti.
Un successo l'esposizione al Centro di accoglienza e promozione turistica "Ozieri Città del Cavallo" nel ristrutturato Palazzo Costi che inoltre ha ospitato l'esposizione dei prodotti locali, dallo zafferano al miele, prodotti nelle campagne ozieresi.

Un'occasione straordinaria per il centro storico, ma anche fattore economico importante per i produttori, ristoratori, bar, Bb e i commercianti che hanno partecipato alla Notte bianca.

Oltre duemila le visite ai musei, alle Carceri ottocentesche e ai Palazzi storici: gli ex Conventi delle Clarisse, San Francesco, Palazzo Costi.

Su Trinta 'e Sant'Andria

Toccante la cerimonia di apertura della manifestazione con l'incontro delle oltre 20 famiglie di ozieresi emigrati in Italia e all'estero che attraversando le vie principali al seguito della Banda cittadina hanno dato il via alla festa.

La manifestazione che ha registrato, inoltre, una crescente partecipazione dei giovani della comunità ozierese, ha acquisito, in questi anni, popolarità e capacità di coinvolgimento importanti, oltre ad una connotazione propria che la differenzia da tante altre iniziative similari. Il tutto caratterizzato dalle iniziative di solidarietà poste in essere dalle cantine a favore delle popolazioni che hanno subito i danni del terremoto nei giorni scorsi.

Un risultato straordinario ottenuto grazie alla generosità, il lavoro e la competenza di tante persone che fanno tanto sapendo quello che fanno. Per tutto questo sento il dovere di scrivere e pubblicare questa nota quale formale segno di riconoscenza, da parte dell'Amministrazione comunale, per tutti quelli che hanno permesso la realizzazione di questo evento che ho avuto l'onore e il privilegio di coordinare.

Per questo desidero esprimere i sensi della mia gratitudine per il determinante e significativo concorso fornito da tutti e in particolare voglio ringraziare: la Consulta dei Cantinieri, viticoltori, proprietari dei locali delle cantine, Pro Loco, l'Istituzione San Michele, commercianti di Ozieri, Agenzia Laore, Logudoro Servizi, Chilivani Ambiente, associazioni, cori, cantadores e gruppi musicali.

La struttura comunale per il personale impegno profuso oltre ogni dovere professionale durante le fasi di organizzazione e gestione.

Un ringraziamento particolare al Commissariato di P.S., Carabinieri e a tutte le forze dell'ordine, alla centrale operativa del 118 e Associazione Santa Caterina ed inoltre a coloro che hanno garantito un eccellente servizio di igiene urbana nei giorni precedenti la manifestazione e restituendo, l'indomani mattina, agli ozieresi e ai visitatori una città ordinata e pulita.

Grazie a tutti, anche a quelli che, involontariamente, ho certamente dimenticato.

Carmelo Lostia, Assessore Attività Produttive

Condividi questa notizia

Versione stampabile