Ozieri, Domenica 28 Maggio 2017

Monumenti Aperti 2017

Monumenti Aperti 2017

Ozieri rinnova la sua partecipazione alla manifestazione Monumenti Aperti 2017

La manifestazione giunta alla XXI edizione anche quest'anno ha ricevuto riconoscimenti dalle più alte cariche dello Stato Italiano.
Dopo i presidenti Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano anche Sergio Mattarella, per il secondo anno consecutivo, ha voluto far giungere a Monumenti Aperti la Medaglia della Presidenza della Repubblica quale premio di rappresentanza.
Il riconoscimento del Capo dello Stato si affianca al Patrocinio della Camera dei deputati e al Patrocinio del Senato della Repubblica, entrambi attribuiti per il quinto anno consecutivo.

Sabato 13 e domenica 14 Maggio saranno aperti al pubblico gratuitamente, alcuni monumenti di grande interesse storico-artistico e culturale della Città di Ozieri: gli alunni delle scuole cittadine guidati dagli operatori dell'Istituzione San Michele, accoglieranno i visitatori e li accompagneranno alla conoscenza di questo patrimonio.

Nell'edizione 2017, in maniera particolare, possiamo vantare una straordinaria partecipazione delle scuole, di ogni ordine e grado, che è il segno più evidente del successo e della capacità di coinvolgimento di questo importante appuntamento, atteso oramai da grandi e piccoli.

Monumenti Aperti 2017

Questa edizione vedrà l'organizzazione di diversi circuiti legati alle principali vocazioni e tradizioni della città, tra cui quella del Pane, del Dolce, del Cavallo e dell'Architettura.

Oltre a quelli già visitabili nell'arco dell'anno come la Chiesa di Sant'Antioco di Bisarcio, la Grotta San Michele, il Civico Museo Archeologico Alle Clarisse, il Museo Diocesano di Arte Sacra, sarà possibile visitare la Pinacoteca cittadina G. Altana, la Fontana Grixoni e il suo percorso sotterraneo, le Carceri Borgia e la cella di rigore, il Museo del Cavallo, il nuraghe Sa Mandra e Sa Jua, il Ponte romano Pont'ezzu, il Museo dell'Arte Molitoria, il Museo Etnografico La taverna dell'Aquila, il Centro Culturale e la Chiesa di San Francesco, il Centro di Documentazione della Letteratura sarda, la chiesa Santi Cosma e Damiano (Cappuccini), la Cattedrale dell'Immacolata e la Chiesa Del Rosario.
Sarà inoltre possibile visitare il Cimitero monumentale, Palazzo Costi, la sala Reduci e Combattenti, l'Asilo Infantile e Orfanotrofio Femminile Satta Sequi, la statua di Francesco Ignazio Mannu e il Prometeo.

Un ricco programma di eventi collaterali contribuirà a rendere ancora più interessante la manifestazione.

In programma, Venerdì 12 Maggio alle 18.00 al 3° piano Ex asilo infantile (ingresso con ascensore dietro fontana Grixoni o via G. Cocco attraverso il cortile) con la presentazione del libro "La Scuola di Stampace. Da Pietro a Michele Cavaro" di Luigi Agus, docente di Storia dell'Arte Moderna dell'Accademia di Belle Arti di Sassari "Mario Sironi".

La "Scuola di Stampace" fu il principale fenomeno artistico del rinascimento in Sardegna, che prese il nome dal quartiere storico della città di Cagliari, dove avevano sede le botteghe degli artisti tra il XV e XVI secolo.
Luigi Agus, per la prima volta ricostruisce la vicenda e la storia dei protagonisti, come Cavaro e Mainas, specializzati nel realizzare i grandiosi retablos sia per la città, che per altri centri dell'isola. La conferenza, organizzata dalla Fondazione La speranza in collaborazione con il Rotary Club di Ozieri, rientra all'interno del ciclo "La Speranza nei/dei/con i Giovani".

Si prosegue con gli appuntamenti di sabato 13 e domenica 14 Maggio:
gli studenti guideranno i visitatori nella storia militare ad Ozieri: presso la Sala Reduci e Combattenti l'Istituzione San Michele, con gli operatori della sezione di Ozieri dell'Associazione Reduci e Combattenti e la ProLoco allestirà una raccolta di oggetti, fotografie, diplomi e medaglie risalenti alle due guerre mondiali. In particolare, in occasione del centenario della Grande Guerra, sarà possibile incontrare i parenti dei caduti, per poterli onorare e insieme ricostruire fatti e luoghi della memoria.

Al Museo Archeologico Alle Clarisse sarà allestita la mostra fotografica di Gino Puddu "Di luce e ombra", con inaugurazione sabato alle 18.00.
Fotografo autodidatta, Gino Puddu ha mosso i primo passi nella fotografia negli '80 a Berlino, dove ha avuto un'importante esperienza con Frank Wolffram, dal 1990 cura e organizza le esposizioni presso il Cafe Aroma Photogalerie e collabora con la Fondazione Italiana per la Fotografia di Torino, l'Istituto Italiano di Cultura di Berlino e l'Associazione Su Palatu. Volti e paesaggio, anche urbano caratterizzano la sua fotografia dove l'identità, l'appartenenza e lo sradicamento sono costanti da ridefinire continuamente. La mostra sarà visitabile fino al 28 maggio.

Sempre al Museo Archeologico sarà possibile partecipare al laboratorio "La pintadera: il percorso del Pane", curato da Maria Antonietta Cherchi della Fattoria Didattica Sa Tanca e Muros Rujos, con gli operatori dell'Istituzione San Michele.

I bambini della scuola elementare del Cantaro dell'Istituto Comprensivo n. 2, guidati dalla maestra Franca Saba con "Dolce…Ozieri: racconti e dimostrazione della tradizione dolciaria", accoglieranno i visitatori nel centro di Documentazione della Letteratura Sarda con un viaggio all'interno della tradizione dolciaria del territorio.

Al Nuraghe Sa Mandra 'e Sa Jua di San Nicola gli operatori dell'Oratorio "Il Portico di San Nicola" allestiranno una fiera del dolce e un'esposizione, con possibilità di acquisto, dei manufatti realizzati nel Laboratorio di Ricamo e di Cucito Creativo che da circa tre anni opera presso l'Oratorio.
Il ricavato delle vendite costituisce una forma di beneficienza o di autofinanziamento per le varie attività che si svolgono presso l'Oratorio, mentre al ponte romano Pont'Ezzu i ragazzi accompagneranno i visitatori alla scoperta del ponte in costume.

I bambini volontari in Piazza Carlo Alberto, Cantareddu, di fronte alla statua di Francesco Iganzio Mannu illustreranno l'origine dei quartieri della Città, mentre gli alunni presenti nella Pinacoteca Cittadina "G. Altana" si cimenteranno nel laboratorio di pittura ColorArt.

Sabato 13 alle 10.30 nella sala conferenze del Palazzo Borgia, in Piazza Duchessa Borgia, l'ASD Centro di Equitazione Ozierese organizza il convegno regionale "Interventi assistiti con animali e disabilità – La pet therapy diventa cura ufficiale", al quale interverrà l’Assessore regionale alla Sanità Lugi Arru, il Sindaco di Ozieri Leonardo Ladu, l'Assessore alla Cultura e lo Sport del Comune di Ozieri Giuseppina Sanna, il Direttore Assl di Sassari Giuseppe Pintor, la psicologa specializzata in terapia equestre Giovanna Bua, gli neuropsichiatri infantili Alessandro Zuddas e Stefano Sotgiu. Concluderà Marco Granata dell'Associazione Peter Pan.
Si proseguirà nel pomeriggio nel Centro di Equestre di Chilivani con la dimostrazione di Ippoterapia e riabilitazione.

Sabato 13 alle 16.00 e, in replica domenica alle 11.30 i ragazzi della 1° e 2° liceo classico di Ozieri metteranno in scena "La Passione di Sant'Antioco", nella chiesa di Sant'Antioco di Bisarcio.

Sempre sabato alle 17.00, con partenza da Piazza Carlo Alberto, avrà inizio la V edizione dell'Ozieri Poetry Slam, gara poetica inserita nel circuito nazionale della Lega Italiana Poetry Slam, per terminare alle 20.00 nel Centro di Documentazione della Letteratura Sarda per la fase finale.
La competizione si svolgerà seconde le regole tipiche della gara, nata verso la fine degli anni ottanta a Chicago ed esportata poi in tutto il globo: ogni partecipante avrà tre minuti per declamare i versi da lui scritti, senza l'ausilio di oggetti scenici o costumi; il pubblico decreterà il vincitore.
Anche quest'anno l'evento sarà condotto e animato dal poeta sardo, internazionalmente riconosciuto, Sergio Garau, che vanta partecipazioni ai più importanti poetry slam e festival di poesia internazionali. L'evento è realizzato grazie alla collaborazione di Marco Fenudi e Giovanni Salis.

Alle 17 di domenica 14 il Coro Città di Ozieri si esibirà per le vie del centro storico con partenza da Piazza Carlo Alberto, proseguendo per fontana Grixoni, la Cattedrale dell'Immacolata e concluderà l'esibizione nel piazzale del Museo Archeologico Alle Clarisse.


I siti culturali rimarranno aperti sabato dalle 16.00 alle 21.00 e domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.00.

Sempre all'interno della manifestazione la rassegna Gusta la Città: a cura dei ristoratori di Ozieri Sarà garantito un servizio navetta gratuito per i siti extra urbani.


Per ulteriori informazioni contattare l'Istituzione San Michele al numero 079 787638 o inviare una mail a promozione.istituzione@comune.ozieri.ss.it o visitare il sito www.welcometozieri.it

 Documenti

Depliant Monumenti Aperti 2017

Condividi questa notizia

Versione stampabile